FESTIVAL DELLO SVILUPPO SOSTENIBILE 2019

 In News

Alla sua terza edizione, il Festival dello Sviluppo Sostenibile promosso da  ASviS – Alleanza Italiana per lo Sviluppo Sostenibile, è la più grande iniziativa italiana per sensibilizzare e mobilitare cittadini, giovani generazioni, imprese, associazioni e istituzioni sui temi della sostenibilità economica, sociale e ambientale, diffondere la cultura della sostenibilità e realizzare un cambiamento culturale e politico che consenta all’Italia di attuare l’Agenda 2030 delle Nazioni Unite e centrare i 17 Obiettivi di sviluppo sostenibile.

Sono oltre 1000 gli eventi in calendario sparsi su tutto il territorio italiano, dal 21 maggio al 6 giugno, organizzati ciascuno da uno o più Aderenti dell’ASviS.

Con il Festival 2019, il messaggio fondamentale dell’ASvis è: l’agenda 2030 deve essere la cornice nella quale rappresentare il futuro del nostro pianeta e del nostro continente.

Il Festival nasce per coinvolgere e sensibilizzare fasce sempre più ampie della popolazione sui temi della sostenibilità economica, sociale e ambientale, andando oltre gli addetti ai lavori, per promuovere un cambiamento culturale di comportamenti individuali e collettivi e stimolare richieste che «dal basso» impegnino la leadership del Paese al rispetto degli impegni presi in sede Onu. Inoltre, il Festival vuole dare voce ai cittadini, alle imprese, alle amministrazioni centrali e locali, alle università e alla società civile per favorire il dialogo, il confronto e la condivisione di best practice sui temi dell’Agenda 2030.

Per questo l’Osservatorio sul consumo di suolo e sul paesaggio in Campania ha organizzato “La Giornata di sensibilizzazione alla conoscenza del territorio”.
La manifestazione si è tenuta venerdi 24 Maggio presso il Dipartimento di Architettura di Napoli ed ha visto protagonisti i giovani che negli ultimi due anni si sono impegnati nella campagna di monitoraggio dal basso territorio attraverso Ops, un’app (acronimo di Osservatorio Paesaggio Suolo) che permette ai singoli cittadini, in un’ottica di cittadinanza attiva, di segnalare sia aspetti negativi che danneggiano il paesaggio, sia buone pratiche che lo valorizzano e attraverso le passeggiate identitarie ispirate alla sociologa ed attivista canadese Jane Jacobs svolte ad inizio maggio nel territorio campano

L’Osservatorio ha voluto fortemente la partecipazione di studenti delle scuole superiori per rafforzare nei cittadini del domani il rapporto con i luoghi in cui vivono consolidando la loro identità territoriale e provando a far crescere una coscienza di rispetto, salvaguardia e valorizzazione verso il proprio territorio di appartenenza.

La giornata si è conclusa con la consapevolezza che tanto è stato fatto ma tanto c’è ancora da fare con il coinvolgimento delle comunità, delle scuole, degli enti, delle associazioni, ecc., in quanto la conoscenza con la partecipazione attiva dei cittadini è l’aspetto fondamentale per una giusta valorizzazione dei nostri territori.

«Il riconoscimento di un ruolo attivo dei cittadini nelle decisioni che riguardano il loro paesaggio può offrir loro l’occasione di meglio identificarsi con i territori e le città in cui lavorano e trascorrono i loro momenti di svago. Se si rafforzerà il rapporto dei cittadini con i luoghi in cui vivono, essi saranno in grado di consolidare sia le loro identità, che le diversità locali e regionali, al fine di realizzarsi dal punto di vista personale, sociale e culturale».

(Convenzione europea del Paesaggio, Relazione esplicativa, 2000).

Di seguito gli interventi:

Relazioni sul monitoraggio
Emanuela Coppola, Michele Grimaldi, Roberto Musumeci, Cristina Tedesco

La passeggiata come modalità di conoscenza del territorio: l’esperienza della Jane’s Walk a Napoli
Emanuela Coppola, Coordinatrice Organizzative Jane’s Walk Naples

Presentazione delle passeggiate napoletane

La 2^ Edizione della Jane’s Walk di Bagnoli,
Francesca Zerella, walk leader con gli studenti della IV^ A del Liceo scientifico “A. Labriola” – Video della giornata

Una passeggiata a Quarto tra archeologia e luoghi d’incontro
Barbara Amoruso, walk leader con gli studenti dell’ISIS “R. Levi Montalcini”

Una domenica a Vietri sul Mare tra storia, cultura e paesaggio
Annapaola Fasano, walk leader – Video della giornata

 

Recommended Posts

Leave a Comment

Start typing and press Enter to search